MONIA MALINPENSA – CRITICA D’ARTE

Critica alle opere di Maus

(MAGGIO 2016)

 

Forme dense di studio e di narrativa pittorica che lo contraddistinguono danno vita ad un descrittivismo geometrico di notevole scansione simbolistica realizzato costantemente dall’artista Maus con rigore di logica e con una particolare resa strutturale.

La serie titolata “Concezione D’Armonia” evidenzia una suggestiva capacità espressiva in cui le vibrazioni tonali e l’autentica essenza formale acquisiscono un valido discorso concettuale del tutto personale che esce fuori dai soliti schemi.

Magistrali movimenti chiaroscurali, ben dosati, e capaci di rendere al dipinto un elevato interesse da parte del fruitore, si liberano nell’opera di Maus con una luminosità timbrica responsabile ed affascinante che gli permette di raggiungere risultati di incisiva e sapiente stesura.

L’aspetto tridimensionale dei soggetti e la proporzionalità, tra spazi e volumi, creano una geometria compositiva di propria personalità artistica e di originale intervento.

Segno, forma ed impianto cromatico, vissuti da parte dell’artista con una formazione pittorica ricca di temperamento e di stile, convergono in un’unica sintesi d’immagine armoniosa che conquista pienamente e che va oltre il significativo visivo.

L’artista per realizzare i suoi “esperimenti” come lui stesso li definisce, si avvale dell’acrilico su tela o su medium-density con maestria e padronanza di tecnica e ne trae una consistenza materica autonoma ed appassionante, vissuta sempre con intenso sistema costruttivo ed emotivo.

La sua vena pittorica è un racconto intriso di emozione e di sentimento per una ricerca pacata che manifesta una serenità interiore ben palpabile e che ne completa ulteriormente il suo operare.